Codice Etico, principi generali

1 – Principi generali

1.1 Destinatari e ambiti di applicazione del codice etico

Al fine di assicurare la corretta applicazione dei principi contenuti nel Codice Etico, il Gruppo ha istituito il “Garante dell’applicazione del Codice Etico” (di seguito, il “Garante”) nella persona del Direttore delle Risorse Umane del Gruppo.

Ogni società del Gruppo potrà inoltre nominare al suo interno un Referente del Garante e si impegna a non adottare ritorsioni di qualsiasi genere derivanti dall’aver fornito notizie di possibili violazioni al Codice Etico.

Il Garante:

  • assicura la massima diffusione del Codice Etico nei confronti dei Dipendenti, dei Collaboratori non subordinati, dei Partner ed in genere di tutti coloro che hanno rapporti con il Gruppo;
  • propone l’aggiornamento del Codice Etico in relazione alla sua efficacia, ai mutamenti delle esigenze aziendali e delle normative;
  • coordina lo svolgimento di verifiche sulle eventuali violazioni del Codice Etico, anche attraverso l’accoglimento di eventuali segnalazioni, coinvolgendo, ove necessario, le competenti funzioni delle Società del Gruppo.

Il Garante riporta all’Organismo di Vigilanza del Gruppo e relaziona sullo svolgimento della sua attività periodicamente e comunque ogni qual volta lo riterrà necessario.

1.2 Garante dell’applicazione del codice etico

Le norme del Codice Etico si applicano ai Dipendenti, ai Collaboratori, ai Collaboratori, ai componenti dei Consigli di Amministrazione ed ai componenti dei Collegi Sindacali del Gruppo.

Le parti in relazioni di affari e tutti coloro che cooperano al perseguimento dei fini del Gruppo nel contesto delle relazioni che essi intrattengono con il Gruppo medesimo dovranno ispirarsi ai principi del Codice Etico.
A tali fini sarà data opportuna comunicazione dei principi ispiratori e dei contenuti del Codice Etico attraverso le modalità che saranno di volta in volta ritenute più idonee, oltre che sul sito internet aziendale.

I componenti dei Consigli di Amministrazione delle Società del Gruppo sono tenuti ad ispirarsi ai principi del Codice Etico, così come qui successivamente identificati, nel fissare gli obiettivi delle imprese del Gruppo, nel proporre gli investimenti e realizzare i progetti, nonché in qualsiasi decisione o azione relativa alla direzione ed al coordinamento delle imprese del Gruppo; del pari i Dirigenti, nel dare concreta attuazione all’attività di direzione delle Società del Gruppo, dovranno ispirarsi ai medesimi principi, sia all’interno del Gruppo, rafforzando così la coesione e lo spirito di reciproca collaborazione, sia nei confronti dei terzi che entrano in contatto con il Gruppo stesso.

I Dipendenti e i Collaboratori (quali, ad esempio, consulenti, rappresentanti, intermediari, agenti, etc.), nonché i Partner in relazioni d’affari e tutti coloro che intrattengono rapporti con il Gruppo, sono tenuti ad adeguare i propri comportamenti alle disposizioni del Codice Etico, svolgendo con onestà, impegno e rigore professionale le proprie funzioni e operando nel rispetto della legalità.

Le azioni, le operazioni, le negoziazioni ed in genere qualsiasi altra attività, posta in essere dai Dipendenti del Gruppo nello svolgimento dell’attività lavorativa, dovranno essere improntate alla correttezza gestionale, alla trasparenza e completezza delle informazioni ed alla conformità alle procedure interne.

1.3 Obblighi derivanti dal Codice Etico

Ogni Dipendente o Collaboratore ha il dovere di conoscere le norme contenute nel Codice Etico e ha l’obbligo di astenersi dal tenere comportamenti contrari alle sue disposizioni.  Deve inoltre collaborare all’osservanza del Codice Etico segnalando, in forma non anonima, ai propri superiori, al Garante ovvero al suo Referente, notizie di possibili violazioni al Codice Etico nell’ambito dell’attività del Gruppo; ove richiesto dovrà inoltre collaborare con le strutture di volta in volta incaricate alla verifica delle violazioni ed evitare di intraprendere iniziative individuali.

Inoltre ciascun Dipendente o Collaboratore dovrà, nei confronti dei terzi che entrano in rapporto con il Gruppo, esigere il rispetto delle disposizioni del Codice Etico nello svolgimento delle attività per le quali essi siano in relazione con il Gruppo.

Ogni Dirigente ed ogni responsabile di unità produttive e di funzioni aziendali ha l’obbligo di:

  • essere da esempio, fornire leadership e guida in conformità ai principi di condotta contenuti nel Codice Etico e, con il suo comportamento, dimostrare ai Dipendenti ed ai Collaboratori che il rispetto del Codice Etico è un aspetto fondamentale del loro lavoro;
  • fornire adeguato supporto a Dipendenti e Collaboratori non subordinati in relazione all’interpretazione dei contenuti del Codice Etico;
  • riferire tempestivamente al Garante notizie ricevute circa i possibili casi di violazione del Codice Etico;
  • impedire qualunque tipo di ritorsione.

1.4 Efficacia del codice etico e conseguenze delle sue violazioni

Il Gruppo vigilerà sull’osservanza delle norme contenute nel Codice Etico, assicurando altresì la trasparenza delle operazioni e delle azioni correttive poste in essere in caso di violazione e si riserva di perseguire e sanzionare ogni comportamento contrario alla lettera ed allo spirito del suddetto Codice.

 L’osservanza delle norme contenute nel Codice Etico deve considerarsi parte essenziale delle obbligazioni contrattuali previste per i Dipendenti delle società del Gruppo, ai sensi dell’articolo 2104 del codice civile, nonché per i Collaboratori delle stesse.

La violazione delle disposizioni del Codice Etico e dei Protocolli di controllo del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo di cui al D. Lgs. 231/2001 da parte di un Dipendente del Gruppo Sofinter costituirà inadempimento delle obbligazioni primarie del rapporto di lavoro o illecito disciplinare, nel rispetto delle procedure stabilite dall’art. 7 dello Statuto dei Lavoratori, con ogni conseguenza di legge, anche in ordine alla conservazione del rapporto di lavoro, e potrà essere, altresì, causa di richieste di risarcimento del danno.

Scarica il Codice Etico Gruppo Sofinter

News e comunicazioni
  • Spedita la prima Big “Plug&Play”

    La prima di tre TITAN M “Plug & Play” è stata spedita da MACCHI dal porto di Marghera con destinazione […]

    Continua
  • Key Supplier Day

    Il 29 Giugno 2018 presso il Museo storico Alfa Romeo, abbiamo organizzato un incontro con i nostri più importanti fornitori […]

    Continua
Tutte le news ed i comunicati